Tronchetti Tronchetti Tronchetti Minelli Tronchetti Minelli Minelli Minelli Tronchetti Minelli Tronchetti Minelli Tronchetti Minelli Minelli Minelli Tronchetti ZwrvAZBqx

Con i loro filamenti urticanti possono provocare bruciore e dolore: ecco i consigli degli esperti per risolvere velocemente la situazione

Sono belle, ma attenzione

Tanto affascinanti, quanto fastidiose. Anzi, spesso anche dolorose. Le meduse se ci pungono con i loro filamenti urticanti possono provocare bruciore e prurito. In vacanza non è mai un bel regalo, ma niente panico: i rimedi esistono e – dimenticati quelli della nonna come ammoniaca, urina o aceto – la soluzione è veloce.

Primo soccorso

La prima cosa da fare è rimanere tranquilli. Appena possibile, avvicinarsi alla riva e uscire subito dall’acqua. Bisogna raschiare via i residui dei filamenti urticanti che sono rimasti sulla pelle, utilizzando un Tronchetti Minelli Minelli Minelli Tronchetti Tronchetti Tronchetti Tronchetti Tronchetti Minelli Tronchetti Tronchetti Minelli Minelli Minelli Minelli Minelli oggetto rigido come una carta di credito o un pezzo di plastica. Non bisogna cercare di toglierli con le mani. Il primo intervento, sia per adulti sia per i bambini, consiste nello sciacquare la zona con abbondante acqua salata.

Farmaci da utilizzare

Dopo aver ripulito e sciacquato la zona urticata bisogna applicare un gel a base di cloruro di alluminio. Questo tipo di medicamento è il più indicato, per adulti e bambini. Si può anche optare per un gel a base di cortisone, ma il suo effetto è tardivo perché agisce dopo 30 minuti. Le creme antistaminiche riducono la sintomatologia e la sensazione di prurito, ma sono fotosensibilizzanti perciò è meglio non utilizzarle se ci si espone al sole. In generale, è meglio non prendere sole nei giorni successivi ai trattamenti farmacologici per evitare che la cute si macchi: la lesione è di tipo irritativo ed è consigliabile aspettare che la pelle si sia rigenerata.

Se la lesione è seria

Per le lesioni più importanti bisogna seguire le linee guida del pronto intervento, ma in seguito è consigliabile farsi vedere da un dermatologo che opterà per la terapia più indicata ed efficace, eventualmente anche per via orale.

I rimedi della nonna
non funzionano

Ci sono vari rimedi che la tradizione popolare utilizza da sempre, come ad esempio frizionare la parte con aceto, alcool, acqua ossigenata, urina. Sono tutti da sconsigliare, perché mandano in circolo nell’organismo le tossine velenose. Anche il ghiaccio è molto utilizzato. Questi rimedi subito danno sollievo, ma non hanno alcun effetto curativo e anzi rischiano di fare più male che bene.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Ragno violino: ecco cosa fare in caso di morso

Vacanze: ecco i farmaci che non devono mancare in valigia

Bambini: cosa fare se vengono punti dagli animali del mare

Estate: come affrontare le 5 infezioni più frequenti

Chiedi un consulto di Dermatologia